Al cuore dell’orrore Dakota Johnson è la protagonista di ​Suspiria

In Suspiria di Luca Guadagnino, in uscita il 1° gennaio, Dakota Johnson è protagonista di un film che si preannuncia inquietante come pochi.

Il Cinema nel destino

Classe 1989, Dakota Johnson è proprio colei a proposito della quale si potrebbe parlare di un destino già segnato nei geni. Sua nonna materna, Tippi Hedren, è stata una grande attrice, lanciata nel mondo di Hollywood da Hitchcock. La madre, Melanie Griffith, non è certo da meno; e lo stesso può dirsi per quelli che in fondo sono stati i suoi due padri: quello biologico, Don Johnson, e quello adottivo, Antonio Banderas. Ad appena nove anni, il suo esordio davanti alla macchina da presa arriva in una commedia diretta proprio da Banderas, Pazzi in Alabama, dove recita al fianco della madre Melanie.

Dagli odiati social network al sesso

In seguito a un’adolescenza dedicata per lo più al mondo della moda, che l’ha vista riscuotere parecchi successi come modella, la giovane Dakota intuisce che il suo futuro è proprio il cinema. E, per una giovane attrice che ha dichiarato apertamente la propria avversione nei confronti del mondo dei social network, è abbastanza curioso che il secondo ruolo (seppur marginale) sia proprio all’interno di The social network (2010), diretto nel 2010 da David Fincher e basato sulla storia del creatore di Facebook Mark Zuckerberg. A questo punto, la carriera dell’attrice texana è pronta per il grande salto.

È alla trilogia di Cinquanta sfumature, tuttavia, che la Johnson deve molto del suo successo planetario. Dal 2015 al 2018 prende infatti parte a tutti e tre gli adattamenti dei romanzi della scrittrice britannica E. L. James, interpretando quello che nel volgere di pochissimo tempo è diventato un personaggio iconico: Anastasia Steele. La ventenne, pur provenendo da un ambiente protetto e “normale”, è irresistibilmente attratta dagli uomini in carriera, che riesce a tenere letteralmente al guinzaglio grazie a una sessualità esplosiva e a perversi giochi sadomasochistici.

Un trauma che ritorna per colpa di Guadagnino

La Johnson ha modo di recitare nella pellicola del 2015 diretta da Luca Guadagnino A bigger splash, dove interpreta una ragazzina tanto annoiata quanto spregiudicata. Il regista palermitano, sorpreso dal suo talento, l’ha richiamata per affidarle il ruolo da protagonista in Suspiria: un’esperienza quantomeno traumatica per Dakota, che ha ammesso apertamente di essersi rivolta alle cure di uno psicologo una volta terminate le riprese. Strano, il destino: anche sua nonna, Tippi Hedren, fu costretta al riposo a causa di un esaurimento nervoso che la colse durante le riprese de Gli uccelli, del maestro Hitchcock.


Dakota Johnson ti aspetta a partire dal 1° gennaio in Suspiria, firmato da Luca Guadagnino: un’esperienza assolutamente conturbante e traumatica!

2018-12-12T12:43:18+00:00
close-link